Ora è il momento più sbagliato e insieme il più giusto per partire

mada

Ogni anno il Servizio Civile Universale permette a più di 50 mila giovani tra i 18 e i 29 anni di svolgere un anno di servizio volto alla promozione della pace e della solidarietà. Tra questi ogni anno, circa 750 ragazzi hanno la possibilità di svolgere questa esperienza all’estero.

Noi siamo Veronica e Simona, selezionate per il progetto di Educatori senza Frontiere in Madagascar, e questa è il nostro racconto.

Abbiamo messo la nostra vita in pausa per due anni.

Abbiamo messo la nostra vita in pausa perché ci crediamo in questo sogno. Abbiamo messo la nostra vita temporaneamente in pausa, ma in realtà la vita non si può mettere in pausa.

Ci abbiamo creduto, ci abbiamo sperato e non abbiamo ancora smesso di farlo, nonostante tutto.

Nonostante le frontiere in Madagascar fossero chiuse.

Nonostante il Dipartimento della Gioventù e SCU abbia bloccato a metà agosto le partenze dei servizi civili.

Nonostante non ci sia nessuna sicurezza sul domani.

Noi ci crediamo, noi ci speriamo perché è un sogno troppo grande per essere abbandonato senza averle provate tutte.

Perché?

“L’educazione è prima di tutto ricchezza di rapporti, riscoperta della parola incarnata, dei gesti e degli abbracci”. (Don Mazzi)

Volevo riscoprire il significato profondo del termine “formazione” e farlo diventare tras-formazione. Volevo trasformare un’esperienza professionale in un’esperienza di vita…” (Gabriella Ballarini)

“Educare significa partire dalla persona […] camminare con gli altri e per gli altri. Educare è rischiare, lottare, amare e condividere. Educare è pulirsi le scarpe prima di entrare. L’altro è un luogo sacro, un santuario, un tabernacolo da non violare ma rispettare. [….] Bussando pian piano, chiedendo permesso”. (Cristina Mazza)

In questi due anni sono cambiate un sacco di cose, ma alla fine siamo allo stesso punto di due anni fa, probabilmente ora è il momento più sbagliato e insieme il più giusto per partire.

Destinazione? Sempre la stessa. Madagascar, Ambalakilonga e il suo cancello blu.

Petizione · Sblocco partenze per i volontari del Servizio Civile Universale · Change.org

Veronica Pizzi e Simona Di Gallo, Caschi Bianchi ESF Madagascar in attesa di partire.

#sbloccoSCUestero

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *