L’educazione è il pane dell’anima. [G. Mazzini]

Sono passati sei mesi da quando sono arrivata a Karungu per la prima volta. Sei mesi in cui ho vissuto sulla mie pelle le esperienze più belle ed emozionanti che la vita mi potesse dare.

Lavoro all’interno degli uffici del Dala Kiye, una casa di accoglienza per bambini orfani affetti da HIV\AIDS che fa parte della St. Camillus Mission.

1 - dala kiye

Il Dala Kiye è davvero un luogo accogliente dove 60 bambini hanno trovato la forza di lottare contro l’HIV e di continuare a vivere; è un luogo dove i bambini si sentono al sicuro, dove giocano senza pensare ai mali del mondo, dove sono coccolati e viziati dai vari volontari che vanno e vengono dalla missione.

2 - bambini del dala kiye

Questa struttura ospita 20 femminucce e 40 maschietti che vivono all’interno di sei cassette a loro dedicate: Twiga (giraffa), Tembo (elefante) per le femminucce e Kiboko (ippopotamo), Tai (aquila), Cheetah (ghepardo), Simba (leone) per i maschietti. Tutti questi bimbi sono orfani e vivono in un contesto dove la famiglia ha dei valori ancora forti, dove ci si aiuta a vicenda, anche se non si ha uno stipendio, dove una nonna mantiene 8 nipotini adottivi barcollando sulle sue gambe mentre zappa il terreno per piantare delle carote o delle zucche, come fanno nonna Prisila e nonna Mary.

Altra realtà in Africa è la poligamia che consente all’uomo di avere più di una moglie a seconda della tribú di appartenenza e alla propria condizione economica. In questa regione del Kenya, la Nyanza, impervia tantissimo  l’HIV\AIDS e la sieropositività della coppia puo’ essere trasmessa ai bambini e all’altra moglie o viceversa. Inoltre, a Karungu l’attività di sussistenza è la pesca; i pescatori vengono da villaggi dall’interno e si trasferiscono per alcuni mesi a Sori (villaggio di Karungu) con lo scopo di guadagnare qualche soldo. I pescatori fortunati hanno una propria barca, ma la maggior parte di loro affitta l’imbarcazione e insieme a questa, alle reti e alle lampade di paraffina vanno a pescare. Gli uomini pescano tutta la notte e al ritorno sulla terraferma ci sono le donne che aspettano di comprare il pesce per poi rivenderlo. Tra le donne di Sori e i pescatori c’è un’altra attività che va per la maggiore, è il Jaboya – sex for fish, ovvero le donne – madri si prostituiscono ai pescatori per avere in cambio del pesce con cui sfamare i bambini e la propria famiglia o per venderlo al mecato. A volte succede che le donne si prostituiscano oltre che con i pescatori, con l’autista dell’autobus per portare il pesce al mercato e con un altro uomo per avere un po’ di spazio al mercato per vendere la propria mercanzia. È così che si trasmette l’HIV\AIDS soprattutto perché non c’è uso comune di protezione sessuale.

4 - omena essicato

A Karungu ci sono un totale di 20 scuole private e 36 pubbliche. Solamente 18 scuole pubbliche fanno parte del progetto di cui si occupa il Dala Kiye in collaborazione con la ONG italiana We World. Tra le varie attività che gli assistenti sociali svolgono ci sono le lezioni nelle scuole primarie riguardanti la prevenzione HIV\AIDS, l’educazione sessuale, sanitaria e alimentare. Sia io che Annalisa insegniamo nelle scuole primarie insieme ai nostri colleghi, anche se a volte non è semplice a causa della lingua perché non tutti parlano bene e capiscono l’inglese. La scuola in Kenya è suddivisa in primaria e secondaria. La scuola primaria è composta di 8 classi più l’asilo, mentre la scuola secondaria ha solamente 4 classi.

Ho avuto modo di collaborare al progetto della campagna fotografica insieme al team degli assistenti sociali del Dala Kiye e al team di We World che segue il progetto di Adozione a Distanza. La campagna consiste nella raccolta di foto dei bambini delle 18 scuole di Gwassi e Karungu che sono già sponsorizzati per i quali si avranno delle foto aggiornate e foto e raccolta dati dei nuovi bambini al di sotto degli 8 anni di età in attesa di adozione.  Grazie alla campagna fotografica ho visitato la maggior parte delle 18 scuole e ho collaborato alla raccolta dei dati dei nuovi bambini. In alcune ci ho proprio lasciato il cuore perché ci sono tanti bambini che hanno davvero bisogno di aiuto come i piccolini dell’asilo.

3 - bimbi asilo

In particolare vorrei riportare la storia di Edwin, un bimbo di 4 anni che ho conosciuto in una delle scuole dove lavoro e che attraverso il suo vissuto ho potuto approfondire e toccare con mano la realtà in cui vivono i bambini del Progetto Dala Kiye – We World. L’ho incontrato a gennaio quando visitai la sua scuola durante la campagna fotografica. Edwin non ha la mamma e vive con la nonna e il padre che di mestiere fa il pescatore. Un giorno il padre torna a casa con un pesce grande che si chiama in kiswahili “tilapia”, e i pesciolini piccoli che si chiamano”omena”; il padre prepara per se stesso la “tilapia” e l’”omena” per il resto della famiglia. Questa è la cena di ogni sera di Edwin: Omena, Sukuma Wiki (che è una verdura amara verde come gli spinaci) e Ugali (una particolare polenta preparata con farina di mais bianco). Lo sapete anche voi che dopo un po’ la cena stanca se è sempre la stessa, quindi immaginate Edwin! A un certo punto Edwin chiede al padre se può prendere un pochino del suo pesce e lui per risposta gli da degli schiaffi che risuonano in tutta la stanza. Edwin piange e si mangia i suoi pesciolini in silenzio senza replicare prima che gli venga tolto anche quel poco che ha da mangiare. Questo avvenimento mi è stato raccontato dalla maestra di Edwin e ricordo ancora la ferita che il bambino aveva sulla guancia… i suoi occhioni dolci e la sua risata.  Qualche giorno fa l’ho incontrato e vedere che lui non mi aveva dimenticato mi ha reso davvero felice: è corso verso di me e si è buttato tra le mie braccia! Che emozione poter vedere il suo sorriso birichino e sentire la sua vocina che mi chiamava “muzungo” e poi passeggiare insieme e parlare nei “cento linguaggi” dei bambini.

 

5 - Edwin e Valentina

Con i bambini capirsi è semplice. Quando ti prendono per mano, hanno già scelto di fidarsi di te. [Cit.]

Valentina Pitton, volontaria SCN AUCI in Kenya

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *